Monday, January 31, 2005

Il mistero del foglio rapito

Riprendo la notizia da zeusnews.it. Un foglio di scarabocchi lasciato su un tavolo al recente summit di Davos e attribuito a Tony Blair ha indotto gli esperti di grafologia a dispensare particolareggiate opinioni sulle capacità del primo ministro britannico. Secondo quello che era un tempo l'autorevole Times, l'esame grafologico del foglio rivelerebbe un individuo "molto più aggressivo che negli anni passati" con "molta irritabilità, che sta faticando a tenere sotto controllo". Secondo la grafologa Emma Bache la scrittura indica "l'emergere di una natura ossessiva-compulsiva".Sempre secondo la Bache, la scrittura del foglio include "molti simboli fallici, come l'anello delle B e delle L", e apparterrebbe a una persona "alla quale non piace perdere la faccia e che non si arrenderà neppure quando sa di avere torto". Addirittura vi sarebbero un "triangolo e una croce" che sono "simboli oscuri, forse indicativi di un desiderio di morte... spesso sono tracciati da persone gravemente malate". L'analisi della Bache conclude affermando di aver trovato "più di un indizio di megalomania". Altri psicologi e grafologi, interpellati da varie testate britanniche, hanno emesso verdetti altrettanto drastici: "fa fatica a concentrarsi", "non è un leader nato", "lotta per tenere sotto controllo un mondo che lo confonde", "una persona instabile che si sente terribilmente sotto pressione".
Questa mattina Downing Street ha fatto notare che il foglio di scarabocchi è di Bill Gates. Fin qui la notizia ripresa da zeusnews.
Il mistero dunque si infittisce? No, secondo altre fonti giornalistiche, per le quali non ci sarebbe alcun mistero: dall'esame comparato con le registrazioni televisive in cui spiegava alla lavagna di Porta a Porta il contenuto del suo contratto con gli italiani si tratterebbero infatti degli stessi geroglifici tracciati da Berlusconi.
Ecco, i soliti comunisti.

No comments:

Post a Comment