Friday, May 08, 2009

E i topi tornano a ballare

Paul Krugman, dall'editoriale di oggi sul New York Times:

Evviva! La crisi delle banche è finita! Festeggiamo! O.K., forse no....

....Qualcuno ricorda il caso di H. Rodgin Cohen, un eminente avvocato di New York che il Times ha descritto come una "eminenza grigia di Wall Street"? Ha fatto notizia per breve tempo nel mese di marzo, quando, è stato riportato, ha ritirato il suo nome dopo essere stato considerato come il primo candidato alla carica di vice segretario del Tesoro.

Ebbene, all'inizio di questa settimana, il signor Cohen ha detto pubblicamente che il futuro di Wall Street non sarà molto diverso dal suo recente passato, dichiarando: "Non sono del tutto convinto che ci fosse qualcosa di intrinsecamente sbagliato nel sistema." Ehi, vi sembra una piccola sciocchezza ad aver causato la peggiore recessione mondiale dopo la Grande Depressione? Pazienza.

Quelle parole sono agghiaccianti. Essi indicano che, mentre la Federal Reserve e Obama continuano ad insistere che sono impegnati in una più stretta regolamentazione della finanza e una maggiore vigilanza, gli insider di Wall Street stanno prendendo la moderazione della politica nei confronti delle banche come un segno che saranno presto in grado di tornare a giocare come prima.

Così, come ho già detto, mentre i banchieri possono trovare i risultati degli stress test "rassicuranti", tutti noi dovremmo avere molta, molta paura.

No comments:

Post a Comment