Friday, January 07, 2005

Risiko stellare

La nave spaziale Deltaerre, infiltrata dagli alieni di Klingon per rincretinire scientificamente i popoli del quadrante NordEst in vista della prossima invasione, cade infine nelle mani dei klingoniani. Una miriade di scialuppe di salvataggio abbandonano la nave: destinazione il pianeta Klingon dove i transfughi verranno sottoposti a reinnesto genetico. L'Imperatore del Male ha invitato la Federazione e Klingon a deporre le armi e a trovare un accordo ma intanto trama in segreto per indebolire la Federazione. Tutti parlano di pace ma ognuno prepara la guerra. La Federazione assolda i Lemani, mutanti mercenari che hanno il compito di rastrellare armi e di impadronirsi dei rifornimenti dei nemici. Sul pianeta delle Due Torri governato dalla proverbiale logica del suo governatore, il vulcaniano Monk, la vita continua a scorrere con i soliti ritmi e le quotidiane operazioni di ordinaria pulizia. Ma si sta preparando qualcosa che sconvolgerà per sempre il tranquillo pianeta e i suoi delicati equilibri. Il governatore sembra abbia i giorni contati sia che vincano gli uni o gli altri. A Klingon i predatori della galassia e i ribelli di Deltaerre riuniti in Concilio discutono il da farsi. Il loro capo, il perfido Fiorgnut, mutante dalla mente diabolica che vive in due corpi, minaccia i ribelli e incenerisce uno di loro per dare l'esempio, imprecando contro la razza patavina per la sua inettitudine e codardia. Proprio in questo momento arriva in teleconferenza il messaggio dell'Imperatore: «Il Lato Oscuro della Forza è con voi, andate e distruggeteli!» sibila agitando nell'aria un treppiedi. Cambio scena. Siamo nel pianeta degli Aamri, il Re Aragoernik, presidente della Federazione, passa in rassegna le sue truppe speciali: i leggendari replicanti dall'occhio azzurro ed acquoso, ricondizionati con nuovi set di memorie. Accanto a lui l'ambasciatore di Highlands pronto a stringere la Grande Alleanza contro l'Impero del Male. Dissolvenza con suono di cornamuse.

No comments:

Post a Comment