Tuesday, November 03, 2009

La grande bolla

Toh, se n'è accorta anche la "grande" informazione:

[...] Dopo il grande tsunami di un anno fa, che ha quasi riportato il mondo ai tempi della Grande Depressione, doveva essere un'era di pentimento e cilicio, di ravvedimento e virtù, di regole stringenti e appetiti misurati. Castigate e imbrigliate, banche e finanziarie dovevano tornare all'umile compito di alimentare l'ordinato sviluppo dell'economia. Beh, riaprite gli occhi: di tutto questo non c'è traccia. Le regole non sono arrivate, i soldi - un fiume di soldi, sotto forma di prestiti, garanzie, tassi stracciati - sì. E la finanza da corsa ha ripreso il largo: i suoi uomini sono tornati a spartirsi un ricco bottino - sotto forma di bonus - e a puntare i soldi in cassa, negati a famiglie e imprese, su scommesse sempre più rischiose nei mercati. Il risultato è che, probabilmente, siamo seduti di nuovo su un'unica gigantesca bolla, che potrebbe esplodere in qualsiasi momento.

La madre di tutte le bolle: nel senso che, invece delle singole bolle (della casa, dei subprime, dei derivati, del credito, del petrolio) del passato appena trascorso, questa è un'unica bolla che le riassume tutte: la bolla del dollaro. Il fatto che sia una bolla al contrario (il dollaro scende) non deve trarre in inganno: è proprio la discesa del dollaro che gonfia, tutte insieme, le altre bolle.

Prendete il bilancio di una grande banca internazionale, come Barclays. Nel secondo trimestre, il settore prestiti alle famiglie ha visto i profitti ridursi del 61 per cento, quello commerciale del 42 per cento. Il ramo affari, Barclays Capital, li ha raddoppiati. Ancora una volta, l'esempio Goldman Sachs vale per tutti: quasi 14 miliardi di dollari di ricavi nel secondo trimestre. Due terzi di questi ricavi vengono dal settore "trading", cioè le transazioni/speculazioni, spesso condotte in proprio. Metà dal solo settore reddito fisso, materie prime, valute, cioè, in concreto, per la grande banca di Wall Street, petrolio e derivati. E' la controprova della frenetica attività dei mercati, dopo il grande gelo dell'autunno 2008.

[...] Anche le borse appaiono largamente sopravalutate. Andrew Smithers, un analista di borsa, ha calcolato che il rapporto fra prezzo dell'azione e utile dell'azienda che l'ha emessa è schizzato a livelli inimmaginabili. Nell'indice S&P 500 di Wall Street questo rapporto è a quota 142. Ovvero l'azione viene trattata ad un prezzo pari a 142 volte gli utili. Non solo è un record, ma quello precedente (47) è un terzo dell'attuale. Anche aggiustando il calcolo per l'attuale situazione di recessione, Smithers conclude che le azioni sono sopravalutate di circa il 40 per cento, rispetto alla media storica. [...]

L'articolo completo su Repubblica
***

2 comments:

  1. bolla del dollaro ?

    significa che il dollaro è troppo sopravvalutato o troppo sottovalutato ?

    Giuliana

    ReplyDelete
  2. @Giuliana
    Come ha spiegato Nouriel Roubini in un suo articolo sul Financial Times, ripreso dal Sole 24 Ore ( http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2009/10/nouriel-roubini-mercati-rischio-dollaro-valute.shtml ) siamo di fronte a una bolla gigantesca che scoppierà non appena il dollaro frenerà la sua corsa (in calo sull'euro). L'inversione di tendenza sembrerebbe verificarsi in questi ultimi giorni, anticipando i tempi previsti da Roubini. Il dollaro infatti si sta rafforzando sulle altre valute e, guarda caso, oggi le borse europee stanno perdendo in media 2 punti percentuali. Resta da vedere se si tratta effettivamente di un'inversione di tendenza e cosa faranno le autorità monetarie americane.

    ReplyDelete